SEZIONI NOTIZIE

Uefa.com - Romero: il Real, Gasperini e l'idolo Sergio Ramos

di Redazione TuttoAtalanta.com
Fonte: uefa.com
Vedi letture
Foto

In vista dell'andata degli ottavi di finale, UEFA.com ha intervistato il difensore dell'Atalanta, Cristian Romero, che ha parlato di Real Madrid e Sergio Ramos, uno dei suoi idoli di sempre, dell'importanza di Gian Piero Gasperini e del sogno di giocare la Champions League.

Siete stati sorteggiati contro una grande squadra come il Real Madrid. Che sfida sarà?
"Indubbiamente il Real è un club che ha una grandissima storia. Al momento non è al massimo della forma ma noi siamo concentrati solo su noi stessi. Crediamo di poter vincere. Crediamo in noi stessi. Saranno due grandi partite. Naturalmente dovremo fare una grande prestazione per andare ai quarti di finale a spese di un avversario così forte e prestigioso. Sarà difficilissimo ma noi abbiamo fiducia nei nostri mezzi, continueremo a proporre il nostro calcio".

Il Real Madrid ha tanti top player in squadra e nel tuo ruolo c'è un certo Sergio Ramos...
"Sergio Ramos, Matthijs de Ligt e Virgil] van Dijk per me sono i tre migliori difensori in circolazione in questo momento. Seguo Ramos sin da quando ero più più giovane perché mi è sempre piaciuto guardare le partite del Real Madrid, soprattutto quando giocava contro il Barcellona perché c'era sempre Lionel Messi in campo. Sergio è indubbiamente uno dei miei idoli".

Nella fase a gironi ti sei messo in luce per le tue qualità. Cosa ti ha insegnato il calcio italiano?
"Sin dal mio arrivo in Italia al Genoa ho sempre trovato degli allenatori che mi hanno molto aiutato a migliorare tatticamente: [Ivan] Jurić, [Cesare] Prandelli e per un breve periodo anche Thiago Motta. Sono molto migliorato, ma da quando sono arrivato all'Atalanta, con [Gian Piero] Gasperini, imparo ogni giorno sempre qualcosa di nuovo. Mi sveglio ogni giorno con il desiderio di imparare qualcosa di nuovo perché ho un allenatore che voglio ascoltare e che penso possa aiutarmi a migliorare. Penso che quest'anno sono migliorato molto dal punto di vista tattico, ho corretto gli errori che facevo prima del mio arrivo in Serie A. Adesso penso di avere trovato una certa continuità di rendimento".

Gasperini è un allenatore molto apprezzato. Cosa c'è di così speciale in lui?
"È un allenatore in grado di aiutarti a crescere come giocatore e può migliorare il tuo stile di gioco e tanti altri aspetti. Con Gasperini chiunque deve essere in grado di fare più cose. Un difensore non deve solo difendere perché con lui chiunque deve contribuire alla manovra offensiva; e quando si difende, anche i giocatori offensivi sono chiamati a dare il proprio contributo. Per questo ho capito che il mister fosse la persona giusta per la mia carriera. Dopo quattro o cinque mesi qui, posso dire di aver preso senza alcun dubbio la decisione giusta".

Parlando di Champions League, cos'hai provato la prima volta che hai sentito l'inno?
"Giocare in Champions League era un mio sogno. Sin da quando ero piccolo e vivevo in Argentina, guardavo un sacco di partite e pensavo quanto sarebbe stato bello giocare nella competizione. Nella mia prima partita, in trasferta col Midtjylland, quando è partito l'inno della Champions League mi sono un po' emozionato perché non avrei mai immaginato di raggiungere questo livello. Adesso sono qui, gioco ai massimi livelli e devo solo pensare a crescere, migliorare e lavorare sodo per diventare un calciatore migliore".

Che ricordi hai del tuo esordio in Champions League?
"Non ero nervoso, quanto un po' ansioso di giocare in una partita che avevo sempre sognato. Non ho dormito molto la notte precedente perché era la mia prima partita in Champions League, ed era fantastico che stessi per realizzare il mio sogno. Avevo migliaia di pensieri che mi passavano per la testa, ma è stato tutto davvero molto speciale".

Per chiudere, cosa ti viene in mente quando pensi alla Champions League?
"La prima cosa che penso è da dove vengo e tutto quello che ho passato per arrivare dove sono adesso. Quindi cerco solo di divertirmi e fare del mio meglio. Ho vissuto momenti difficili in Argentina, quindi ora cerco solo di godermi il calcio".

Altre notizie
Giovedì 25 febbraio 2021
14:02 #Coronavirus Torino, Baselli conferma la positività al Covid-19: "Sto bene, sono in quarantena" 14:00 Rassegna Stampa Zazzaroni sul Corriere dello Sport: "UEFA, siamo capaci di uscire anche da soli" 13:59 Altre news Ata-Real "falsata" dal rosso, Roncero a Capello: "Ricordi Beckham? Vai a raccogliere asparagi!" 13:45 Altre news Costacurta: "Atalanta lucida dopo il rosso. Qualificazione aperta in vista del ritorno" 13:45 Altre news Cesari sul rosso a Freuler: "Come poteva essere chiara occasione da rete? Serviva il VAR"
13:15 Rassegna Stampa L'apertura de L'Equipe dopo il gol di Mendy all'Atalanta: "Big Ferland" 13:00 Altre news Tutti i risultati dell'andata degli ottavi di Champions: vero disastro delle italiane. Tre ko 12:45 Rassegna Stampa Il QS: "Atalanta eroica ma poco fortunata. I tifosi fuori dallo stadio un'altra nota stonata" 12:30 Rassegna Stampa Ko e polemiche per la Dea. Corriere della Sera: "Servirà la rabbia di Gasperini per battere il Real" 12:26 Primo Piano La delusione di Freuler: "Chiedo scusa a tutti, mi dispiace". I compagni lo difendono: "Non devi scusarti" 12:20 Primo Piano Atalanta, senti Maehle: "Siamo sotto 1-0, ma possiamo andare a Madrid e segnare. Io ci credo" 12:16 Altre news Atalanta-Real 0-1, l'ex arbitro spagnolo Andujar Oliver: "Rosso eccessivo, Freuler da ammonire" 12:15 Serie A Sampdoria-Atalanta, ecco l'arbitro designato per la sfida al Marassi 12:15 Rassegna Stampa L'Atalanta perde contro il Real ma è ancora in vita. Arbitro decisivo 12:00 Primo Piano Crosetti su La Repubblica: "Atalanta-Real, l'arbitro ha una discarica al posto del cuore" 12:00 Altre news C. Zenoni: ""Samp, con l'Atalanta sarà dura. Quagliarella bomber evergreen" 11:45 Altre news Sampdoria, Bereszynski: "Prossime tre partite molto importanti ma ora testa all'Atalanta" 11:30 Altre news Sampdoria, Ekdal: "Possiamo battere l'Atalanta" 11:00 Primo Piano Orgoglio Pessina: "Noi in 10 per 70', il Real non ha costruito nulla a parte il gol fortuito" 11:00 Altre news Corriere dello Sport, la moviola su Atalanta-Real: "Non solo il rosso a Freuler: Casemiro graziato"